donna


donna
donna /'dɔn:a/ s.f. [lat. dŏmĭna "signora, padrona", lat. volg. domna ].
1. [essere umano adulto di sesso femminile] ▶◀  femmina, signora. ◀▶ uomo.  maschio, signore.
● Espressioni: eufem., buona donna, donna da marciapiede (o di malaffare o di strada o di vita o, eufem., di facili costumi) ➨ ❑; donna di casa ▶◀ casalinga, massaia; donna-ragno ➨ ❑.
2. (fam.) [donna con cui si ha un rapporto sentimentale: la mia d. ] ▶◀ amata, compagna, fidanzata, innamorata, ragazza.
3. (mest., fam.) [donna che attende a pagamento alle faccende domestiche: d. (di servizio ) a ore ] ▶◀ cameriera, colf, collaboratrice domestica, domestica, (lett., scherz.) fantesca, (spreg.) serva. ◀▶ padrona, signora.
4. (gio.)
a. [figura delle carte da gioco] ▶◀ dama, regina.
b. [pezzo del gioco degli scacchi] ▶◀ regina.
buona donna, donna da marciapiede (o di malaffare o di strada o di vita o, eufem., di facili costumi) [donna che esercita la prostituzione o che è giudicata simile alle prostitute, anche come epiteto ingiurioso] ▶◀ (volg.) bagascia, (eufem., non com.) baiadera, (volg.) baldracca, (roman., volg.) battona, (eufem.) bella di notte, (spreg.) cagna, cocotte, (eufem.) cortigiana, (spreg.) donnaccia, (eufem.) donnina allegra, (eufem., disus.) falena, (gerg., non com.) gigolette, (eufem.) lucciola, (non com.) lupa, (merid.) malafemmina, (roman., volg.) marchettara, (lett.) meretrice, (region., volg.) mignotta, (eufem.) mondana, (eufem.) passeggiatrice, (eufem., disus.) peripatetica, prostituta, (lett.) putta, (volg.) puttana, (ragazza) squillo, (lett.) sgualdrina, taccheggiatrice, (volg.) troia, (spreg.) vacca, (region., volg.) zoccola.
donna-ragno [artista circense che esegue esercizi di contorsionismo] ▶◀ contorsionista. [⍈ cameriera, cameriere, uomo]

Enciclopedia Italiana. 2013.